Riecco Modena: vince il Girone C e conquista la Serie A

figh

Riecco Modena: vince il Girone C e conquista la Serie A

Tra fasti del passato, soddisfazioni attuali e ambizioni future. Modena si riaffaccia tra le grandi della Pallamano italiana. Lo fa con la Scuola Pallamano Modena, la società emiliana nata nel 2007 e che ha conquistato quest’anno la promozione in Serie A, vincendo il Girone C della Serie A2 con un ruolino di marcia fatto di 18 vittorie in 19 partite.

È un balzo di categoria che riporta nella massima serie una città che ha abbracciato da sempre, già dal 1969, la disciplina dell’handball. Modena c’è. Ci sarà in una Serie A dove l’obiettivo primario sarà quello di procedere passo dopo passo, a caccia della salvezza.

Una promozione accarezzata a lungo, praticamente per 59 minuti l’anno scorso contro Tavarnelle. “Diciamo che l’anno passato ci è venuta voglia…”, rivela il vice-presidente del sodalizio modenese, Claudio Sgarbi. “Avevamo sempre considerato l’A2 come il nostro posto da un punto di vista tecnico, ma dopo 4 stagioni concluse sempre nelle prime tre posizioni e dopo aver sfiorato la promozione l’anno scorso, abbiamo deciso quest’anno di compiere quel passo in più, soprattutto a livello mentale. È stato un gran bel campionato da parte dei ragazzi. Abbiamo costruito le nostre fortune sul settore giovanile, che ci ha garantito anche un roster abbastanza ampio durante tutta la stagione. In più la nostra strada si è incrociata con quella di Francesco Wengerter, un ragazzo che arriva dalla Germania ed era qui per uno stage di formazione-lavoro: ci ha dato una mano notevole”.

“Modena ci sarà in Serie A, sì, e lotterà chiaramente per provare a salvarsi. Stiamo valutando se partecipare anche al campionato di A2 coi ragazzi che in questa stagione hanno vinto il campionato di Serie B, ma in questo senso non ci sono certezze. Di sicuro c’è che siamo al lavoro per reperire sponsor che possano permetterci di affrontare il campionato di massima serie. Da un punto di vista tecnico, credo che ci siano alcune squadre inarrivabili, ma noi possiamo contare sul nostro settore giovanile molto ampio e su alcuni giocatori cresciuti nel nostro vivaio – come Pieracci, Di Matteo o Malavasi – i cui rientri sono stati di grande importanza”.

Il tecnico: Francesco Sgarbi

“La promozione in Serie A rappresenta una grande soddisfazione perché arriva alla fine di diversi anni di lavoro. Rappresenta un po’ un premio perché, appunto, corona tutta l’attività fatta con questo gruppo in anni in cui, pur perdendo alcuni ragazzi per strada, siamo riusciti, grazie al lavoro coi settori giovanili, a mantenere un livello molto buono”.

“La società sta lavorando per trovare le risorse economiche che possano permetterci di affrontare la massima serie. Non ci saranno stravolgimenti alla rosa e non cambierà neanche il metodo di lavoro, come sempre incentrato sui giovani. La forza quest’anno è stata avere un gruppo coeso, unito. Il prossimo anno? Sarà un campionato duro e vedremo se l’entusiasmo della squadra – chiaramente quest’anno al massimo grazie alla serie di risultati positivi – resterà alto anche quando arriveranno inevitabilmente delle sconfitte. Se sapremo mantenere uno spirito positivo, a mio avviso abbiamo chances di fare bene”.

Il capitano: Stefano Rolli

“La promozione di quest’anno parte da quella che c’era sfuggita per un soffio l’anno prima. In estate abbiamo avuto il rientro in squadra di alcuni elementi di grande valore e siamo partiti con un unico obiettivo: vincere il campionato. La volontà era forte e l’abbiamo dimostrato durante tutta la stagione. Emozioni? Grandi. Il tanto lavoro è stato ripagato. E la soddisfazione è doppia, perché abbiamo riportato la città di Modena nella massima serie con le nostre forze”.

“Su quella che sarà la prossima stagione, non ci nascondiamo. Sappiamo che il livello cambia, e di molto, nel salto dalla Serie A2 alla Serie A, per cui il nostro obiettivo è chiaramente quello della salvezza e di una stagione quanto più tranquilla possibile”.

Fonte Riecco Modena: vince il Girone C e conquista la Serie A

Leggi articolo originale su figh.it