Challenge Cup femminile: l’Ariosto Ferrara si ferma al round 2, il Thun passa il turno

figh

Challenge Cup femminile: l’Ariosto Ferrara si ferma al round 2, il Thun passa il turno

barrosL’Ariosto Ferrara si ferma al round 2 della Challenge Cup. La formazione emiliana viene superata dalle svizzere del Thun anche nel match di ritorno giocato questa sera (sabato ndr) al Palaboschetto: 28-24 il risultato finale, che fa seguito al 24-17 con cui le elvetiche si erano imposte al termine della sfida di andata del fine settimana scorso.

Davanti al pubblico amico, Dobreva e compagne – nonostante il vantaggio del primo tempo – non riescono nell’impresa di annullare il gap maturato nei primi 60′ del doppio confronto.

Il Thun si qualifica così al round 3. Per l’Ariosto Ferrara, invece, testa alla Serie A Femminile: il 29 ottobre c’è il match in casa delle campionesse d’Italia dell’Indeco Conversano.

22 ottobre [ritorno]
h 18:00 | Ariosto Ferrara – Rotweiss Thun 24-28 (p.t. 13-11)
Ariosto Ferrara: Barros 1, Belardinelli 3, Burgio, Ceso, Dobreva 7, Gambera 1, Grossi, Marchegiani 2, Meccia 1, Pernthaler, Piva, Sandri, Soglietti 8, Spasari, Stampi. All: Riccardo Di Vita
Rotweiss Thun: Berger 1, Ferfolja 4, Ganz 4, Hess, Hostettler 2, Jordi 3, Korenic, Moser 2, Oberson 1, Peronino 1, Schmied 8, Wyer 2, Zumstein
Arbitri: Marko Sekulic (SRB) – Vladimir Jovandic (SRB)
Delegato EHF: Panagiotis Antonopoulos (GRE)

Così nella gara di andata:

16 ottobre [andata]
h 15:00 | Rotweiss Thun – Ariosto Ferrara 34-17 (p.t. 15-8)
Rotweiss Thun: Hess 1, Ganz, Jordi 4, Marjanic, Zumstein, Oberson 5, Peronino, Moser 6, Forfolja 7, Korenic, Hostettler 1, Wyer 2, Berger 2, Schmied 6
Ariosto Ferrara: Stampi, Dobreva 5, Grossi, Barros 2, Burgio, Belardinelli 2, Abfalterer 3, Gambera, Pernthaler, Ceso, Sandri, Soglietti 2, Meccia 2, Marchegiani 1. All: Riccardo Di Vita
Arbitri: Miro Korja (FIN) – Christopher Metsämäki (FIN)
Delegato EHF: Cesar Castillo (GBR)

Fonte Challenge Cup femminile: l’Ariosto Ferrara si ferma al round 2, il Thun passa il turno

Leggi articolo originale su figh.it