LAPS E CRI SICILIA INSIEME PER I PIÙ DEBOLI

gif-italpress-468x60-es

LAPS E CRI SICILIA INSIEME PER I PIÙ DEBOLI

Un protocollo per sostenere quanti sono in condizioni di difficoltà socieconomica e rischiano di vivere ai margini della società, partendo dai minori. E’ stato sottoscritto a Palermo, nella sede del comitato regionale della Croce Rossa Italiana, dalla fondazione Laps – Libera Accademia Progetti Sperimentali e dal Cri – Comitato Regionale Sicilia. A firmarlo sono stati il presidente della Fondazione Laps, Lapo Elkann, ed il presidente della Croce Rossa Italiana – Comitato Regione Sicilia, Luigi Corsaro.
Il protocollo d’intesa, valido per tre anni e rinnovabile, nasce dalla volontà di “promuovere interventi di sostegno a favore delle fasce deboli, con particolare, anche se non esclusivo, riferimento al benessere e tutela dei minori”, è stato spiegato nel corso di una conferenza stampa.

“La Fondazione Laps attiverà e promuoverà diverse azioni di fundraising per raccogliere le risorse necessarie per la realizzazione di iniziative di utilità sociale e per la promozione dello sviluppo socio-economico del territorio siciliano – è stato sottolineato -. La Croce Rossa, caratterizzata da sentimenti di mutuo soccorso e da azioni di aiuto reciproco, si impegnerà a utilizzare le risorse in modo tale da migliorare in maniera efficace e incisiva il welfare-mix della Regione Sicilia”.

I firmatari guardano a questa iniziativa come al punto di partenza, con l’intento di ampliare la collaborazione in futuro coerentemente con le rispettive missioni. “Il protocollo d’intesa – è stato evidenziato – si pone l’obiettivo di favorire la cooperazione, istituendo un tavolo di lavoro per consentire uno scambio di informazioni rapido ed efficace negli ambiti operativi comuni, con l’obiettivo di raggiungere risultati sempre più importanti e progettare iniziative di valore”.

“Credo che il modo migliore per aiutare gli altri sia sempre il ‘fare’ e il ‘creare’ nuove possibilità – sottolinea il Presidente di Fondazione Laps, Lapo Elkann -. Attraverso questo importante accordo permetteremo di sviluppare ulteriori progetti e fornire servizi alla CRI, che svolge un ruolo chiave nel prevenire e alleviare la sofferenza umana, contribuendo alla cultura della non violenza e della pace. Sono molto felice di poter aiutare le persone di un territorio che amo molto. Promuoveremo, soprattutto, progetti dedicati ai minori perché i giovani sono futuro e ricchezza”.

“Questo accordo – aggiunge il presidente regionale CRI Sicilia, Luigi Corsaro – darà l’opportunità alla Croce Rossa Italiana di implementare iniziative in tutta la regione volte ad aiutare le persone e, soprattutto i bambini e gli adolescenti, ad affrontare problematiche educative e socio-sanitarie con un approccio che prevede la tutela dei diritti e la salvaguardia della dignità. È indispensabile identificare le persone, soprattutto se minori, in situazione di vulnerabilità per poterle assistere e garantire un’efficace risposta. La CRI siciliana si impegna in tal senso a leggere e analizzare i bisogni esistenti e quelli futuri, per costruire piani di azione adeguati e contrastare le forme di vulnerabilità, anche grazie al supporto della Fondazione. Siamo certi che questa collaborazione consentirà di rafforzare l’inclusione, la trasversalità e l’innovazione dei nostri servizi, migliorandone l’accesso e la capillarità a favore dei minori a rischio di marginalità sociale. Gli incontri periodici che avvieremo a partire da oggi con la Fondazione LAPS offriranno l’opportunità di monitorare la qualità delle attività e dei servizi che insieme offriremo e ci consentirà di implementare sempre nuove e più efficaci iniziative”.

Tra i progetti allo studio anche il dono alla Asp di Siracusa di speciali ambulanze alimentate a gasolio e ad elettricità studiate da Garage Italia (una delle aziende di Elkann) e dai partner siciliani i messinesi di Newtron, società che sviluppa kit per rendere elettriche le vetture esistenti.

(ITALPRESS).

L’articolo LAPS E CRI SICILIA INSIEME PER I PIÙ DEBOLI proviene da Italpress.

Leggi articolo originale su italpress.com

gif-italpress-468x60-es